Esteri/Prodotti/Salute

FONTEM VENTURES: NUOVO STUDIO DIMOSTRA LIVELLI DI TOSSICITA’ INFERIORI FINO AL 99% NEL VAPORE DELLE SIGARETTE ELETTRONICHE COMPARATO AL FUMO DI SIGARETTA TRADIZIONALE

Un nuovo studio chimico sul vapore presentato al primo Summit Scientifico sulla riduzione del danno da tabacco: Novel products, Research & Policy, ha rivelato livelli di sostanze tossiche nel “pod-system” della sigaretta elettronica myblu® inferiori del 99% rispetto al fumo di sigaretta.

Nel corso del Summit volto ad analizzare le modalità possibili per la riduzione dei danni alla salute provocati dal fumo, il Dr Grant O’Connell, Corporate Affairs Manager di Fontem Ventures, società controllata di Imperial Brands proprietaria del marchio blu®, ha dichiarato:

 “Coerentemente con i dati clinici emergenti, questo studio dimostra che i dispositivi elettronici per il vaping e i liquidi di alta qualità offrono il potenziale per ridurre in modo sostanziale l’esposizione a sostanze cancerogene e tossiche nei fumatori che li usano come alternativa alle sigarette”.

 Lo studio dal titolo “Composizione chimica del vapore emesso dal Pod-System della sigaretta elettronica myblu®: comparazione quantitativa rispetto al fumo di sigaretta convenzionale” è stato realizzato sull’ultimo prodotto realizzato da Fontem Ventures, myblu®, appena immesso nel mercato italiano dopo Gran Bretagna e Stati Uniti d’America e ha analizzato 51 sostanze tossiche di interesse per la salute pubblica¹. Solo otto di queste sono state osservate a livelli quantificabili: formaldeide, acetaldeide e acroleina – tutti con una riduzione di oltre il 99% rispetto al fumo di sigaretta convenzionale; manganese e selenio (riduzione media dell’82% rispetto alle sigarette); e NNN, NAT e NNK (oltre il 99% di riduzione rispetto alle sigarette convenzionali).

 “Il test sui vapori emessi da myblu® indica livelli bassi o assenti delle sostanze tossiche testate. La resa totale è stata inferiore a 1 microgrammo per ogni boccata di sostanze tossiche testate, che è pari al 99% in meno rispetto ai 381 microgrammi per boccata quantificati e pubblicati per il fumo di sigaretta”, ha detto il dottor O’Connell.

I risultati di numerosi recenti studi clinici* hanno dimostrato che i fumatori che hanno effettuato il passaggio alle sigarette elettroniche hanno un’esposizione significativamente inferiore alle sostanze cancerogene e tossiche presenti nel fumo di sigaretta, con riduzioni ampiamente indistinguibili dalla cessazione del fumo o dall’uso di prodotti sostitutivi con nicotina.

“È importante che i governi e le autorità sanitarie di tutto il mondo condividano queste informazioni con i fumatori che cercano di sostituire le sigarette convenzionali”, ha concluso il dottor O’Connell.

Fontem Ventures sta pianificando ulteriori studi su myblu® tra cui studi preclinici in vitro, studi clinici sui biomarcatori e studi comportamentali e sulla popolazione per generare un insieme di prove volte a valutare il potenziale di riduzione del danno dei prodotti myblu® rispetto alle sigarette convenzionali.

 

¹Gli Scienziati hanno testato gli aerosol di due liquidi myblu® attualmente in commercio rispettivamente con un contenuto di nicotina di 1.6% per l’aroma al tabacco e con un contenuto di nicotina di 1.6 % per l’aroma al mentolo, utilizzando il pod-system e-cigarette myblu®.
Sono state testate 51 sostanze in totale, riguardanti la salute pubblica, incluse quelle comprese nella lista della sostanze chimiche dannose o potenzialmente pericolose contenute nel fumo della sigaretta stilata dalla FDA (Harmful or Potentially Harmful Constituents list) che l’Agenzia ritiene che causino o possano causare danno ai fumatori. Infine, hanno paragonato i dati ottenuti con i dati pubblicati riguardanti il fumo di sigaretta.

2Conventional cigarette smoke chemistry data (Marlboro Gold) published in Tayyarah,R. and G.A.Long (2014). “Comparison of select analytes in aerosol from e-cigarettes with smoke from conventional cigarettes and with ambient air.” Regul Toxicol Pharmacol 70(3):704-710 was used for comparisons in this study.
*O’Connell, G., D. W. Graff and C. D. D’Ruiz (2016). “Reductions in biomarkers of exposure (BoE) to harmful or potentially harmful constituents (HPHCs) following partial or complete substitution of cigarettes with electronic cigarettes in adult smokers.” Toxicol Mech Methods: 1-12.
*Goniewicz, M. L., M. Gawron, D. M. Smith, M. Peng, P. Jacob and N. L. Benowitz (2016). “Exposure to Nicotine and Selected Toxicants in Cigarette Smokers Who Switched to Electronic Cigarettes: A Longitudinal Within-Subjects Observational Study.” Nicotine & Tobacco Research. 19(2): 160–167.
*Shahab, L., M. L. Goniewicz, B. C. Blount and et al. (2017). “Nicotine, carcinogen, and toxin exposure in long-term e-cigarette and nicotine replacement therapy users: A cross-sectional study.” Annals of Internal Medicine. 166(6):390-400.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...