Policy/Prodotti/Tabacco

Sigarette elettroniche. Soluzioni concrete per risollevare la situazione

Istituzioni, industrie e associazioni di categoria si sono riunite oggi in occasione della tavola rotonda “Sigaretta elettronica, sicurezza e controllo cosa accadrà domani”, organizzata da Liaf – Lega italiana anti fumo – a Roma presso Palazzo Valdina (Camera dei Deputati) per affrontare la questione “sigaretta elettronica” in un momento in cui sembra che la politica voglia penalizzare l’intero settore. Infatti con l’emendamento Vicari, che pone i prodotti legati al vaping contenenti nicotina (escludendo dunque i device e i liquidi nicotine free) sotto il monopolio statale oltre a vietarne completamente la vendita online, e contestualmente la sentenza della Corte Costituzionale che impone una tassa su tutti i liquidi di ricarica, compreso quelli senza nicotina, occorre trovare soluzioni condivise il prima possibile, per evitare il tracollo di uno dei pochi settori in crescita in questo periodo di crisi.

In questo contesto, ovviamente, non vanno perse di vista le conseguenze sulla salute di queste manovre prettamente finanziare. In materia è intervenuto il prof. Giancarlo Ferro, membro del Comitato Scientifico per la ricerca sulle sigarette elettroniche, che ha dichiarato: “E’ inverosimile che in Italia, a differenza di altri Paesi, si aumentino ancora le tasse a un prodotto che, come dimostrato da tantissimi studi, riduce i danni da fumo, e non presenta rischi per la salute nemmeno nell’utilizzo nel lungo periodo.” E, in particolare, “sull’emendamento Vicari – ha aggiunto – c’è un interessante esercizio di de-responsabilizzazione della politica che demanda tutto il da farsi all’amministrazione”.

Non tutti i membri delle istituzioni sono schierati a favore di questi provvedimenti e proposte concrete, sebbene poco efficaci al momento sono arrivate da Sebastiano Barbanti (PD) che ha affermato: “Il decreto fiscale è stato già approvato ma presenteremo subito un odg sull’argomento per trovare correttivi utili” e dal deputato pentastellato Francesco Cariello che ha ribadito la possibilità di “presentare un ulteriore emendamento che si potrà discutere direttamente alla legge di bilancio”. Anche Eugenio Ceglia, rappresentante del Ministero della Salute, si è espresso prudentemente, sostenendo che la proposta legislativa al centro del dibattito, oggi approvata con il decreto fiscale, è stata presentata “senza mai sentire i rappresentanti del Ministero”.

In merito all’introduzione di nuove tasse, il Governo dovrebbe prendere maggiormente in considerazione l’esperienza pregressa, ovvero che a partire dal 2013, anno in cui l’Italia, prima in Europa, ha imposto la tassa sui prodotti legati al vaping, gli introiti nel settore sono diminuiti notevolmente dai 450 milioni del 2013 ai 300 milioni del 2014 fino ai 60 milioni del primo semestre 2015, con una conseguente diminuzione di posti di lavoro nel settore, passati dagli 8 mila del 2013 ai 2.500 attuali. Inoltre l’esperienza dovrebbe anche aver insegnato al legislatore che un’aspra tassazione non arricchisce l’erario statale, al contrario porta ad una crescita del mercato nero e di tutti quei fenomeni legati all’evasione fiscale, che non possono essere arginati a livello giuridico a causa della carenza normativa in materia.

È lecito quindi, tanto per le associazioni di categoria – erano presenti: ANAFE, COIV, UNIECIG, ANIDE e EIM – quanto per l’industria, rappresentata in quest’occasione da BAT, Imperial Tobacco (che produce e-cig attraverso la partecipata Fontem Ventures)  e JTI, aspettarsi una risposta adeguata dal mondo politico. Del resto, ha dichiarato Massimiliano Federici di COIV “Dobbiamo avere la possibilità di andare avanti”.

Cecilia Del Vecchio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...