Policy

Imposta di consumo, in Gazzetta Ufficiale il rinvio del TAR alla Corte Costituzionale

tar lazio

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale, serie Corte Costituzionale del 24 agosto 2016, l’ordinanza del TAR Lazio dello scorso 16 dicembre 2015 sul ricorso presentato da ANAFE e altri contro Agenzia delle dogane e dei monopoli ed altri in merito all’Imposta di consumo sui prodotti da inalazione senza combustione costituiti da sostanze liquide, di cui ai dlgs 504/1995 e 188/2014.

Come ha riportato AgiVapeNews al momento della pronuncia del TAR lo scorso dicembre, l’Ordinanza ha disposto il rinvio alla Corte Costituzionale dell’imposta di consumo sui liquidi per sigarette elettroniche. Il TAR ha infatti dichiarato rilevante e non manifestamente infondata la questione di legittimità sul testo che dispone l’imposta di consumo del 50% dell’accisa gravante sull’equivalente consumo convenzionale di sigarette ai prodotti da inalazione senza combustione costituiti da sostanze liquide, contenenti o meno nicotina, di fatto senza distinzione tra liquidi contenenti nicotina e liquidi che ne sono privi.

Oltre che illegittima secondo le associazioni e le aziende del settore, l’imposta di consumo si rivela anche inefficace per le entrate dello Stato. Come hanno riportato diversi esponenti dell’Intergruppo Parlamentare sulla Sigaretta Elettronica, “Anche per l’anno 2016, stando all’attuale discussione alla Camera del ddl per l’assestamento del bilancio dello Stato, si evincono mancate entrate per 80 milioni di euro riguardanti il consumo sui prodotti succedanei dei prodotti da fumo”, secondo le parole del deputato PD Barbanti. Le cifre del buco, come ha confermato l’onorevole Busin (Lega Nord), “stando alle attuali previsioni assestate, raccontano di soli 5 milioni di entrate nelle casse dello stato, a fronte degli 85 previsti. Se calcoliamo inoltre che questo è il secondo anno in cui questa situazione si ripete, possiamo definire fallimentare questa imposta”. Nei tre anni di vigore della tassa, in base ai calcoli, il buco per lo Stato ammonterebbe a più di 200 milioni di euro. Il danno economico è però secondario rispetto a quello per la salute pubblica, messa in pericolo dal “comportamento elusivo di alcuni consumatori che – scoraggiati dagli alti costi raggiunti dai device elettronici e dai liquidi di ricarica proprio a causa della tassa – comprano separatamente gli ingredienti per poi miscelarli con la tecnica del ‘fai da te’”, in base alle dichiarazioni del presidente dell’Intergruppo, on. Abrignani (Gruppo Misto).

Si attendono quindi la pronuncia della Consulta, ma ancor di più eventuali aggiustamenti fiscali presenti nella prossima legge di Bilancio.

One thought on “Imposta di consumo, in Gazzetta Ufficiale il rinvio del TAR alla Corte Costituzionale

  1. Pingback: Imposta di consumo, in Gazzetta Ufficiale il rinvio del TAR alla Corte Costituzionale — AgiVapeNews – svapoecig

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...