Policy

«Vapitaly»: sbarca in Fiera la tribù del vapore | Corriere di Verona

corriere verona vapitaly

La tribù del vapore. Si può leggere anche così il grande successo di pubblico che ha ottenuto Vapitaly. La fiera dedicata alla sigaretta elettronica, inaugurata ieri e aperta anche oggi al Palaexpo di Veronafiere, ha attirato un gran numero di appassionati e di vapers.

I dati parlano di 4mila accreditati, l’ingresso è gratuito ma bisogna accreditarsi, per vedere e provare le ultime novità in tema di e-cig. «Un numero di presenze – ha detto Mosè Giacomello, presidente di Vapitaly – in cui speravamo, ma che ci ha sorpreso. Conosciamo la passione dei vapers per avere e provare le ultime novità in termini di aromi, liquidi e hardware, ma l’afflusso è stato davvero importante. Di sicuro nei quasi cento stand a disposizione, gli svapatori hanno trovato ciò che cercano».

D’altro canto la tribù degli svapatori, come l’ha definita l’antropologa dei consumi Patrizia Martello, è una comunità che ha propri oggetti di culto, propri rituali e propri valori. Tra gli oggetti di culto, rientra tutto quello che permette di fumare grazie ad una batteria e ad un liquido aromatico da vaporizzare: cioè appunto l’e-cig.

E tra gli stand di Vapitaly c’è solo l’imbarazzo della scelta tra sigaretteelettroniche personalizzate e customizzate, sigari o pipe elettroniche, di qualsiasi dimensione, tecnologia e capacità. «Il vaping – ha spiegato durante il convegno introduttivo Martello – è un fenomeno di costume emergente che ha una matrice edonistica e tre valori guida: libertà, salute e piacere». Perché la sigaretta elettronica si pone in contrasto con la «bionda» tradizionale: tra gli 800mila vapers italiani stimati, solo una percentuale attorno al 20% fuma entrambe. «Le sigarette elettroniche – ha detto Riccardo Polosa, direttore scientifico della Lega italiana antifumo e ordinario di Medicina interna a Catania – rappresentano un’alternativa valida per smettere di fumare definitivamente e sono per il 95% meno dannose delle sigarette tradizionali». Infatti i liquidi aromatici da svapare, possono non contenere affatto nicotina ed avere i gusti più svariati: menta, vaniglia, cioccolato, whisky. Si tratta di un fenomeno di costume che piace a vip e persone normali: non a caso oggi, a Vapitaly, è atteso l’attore Luca Argentero.

2 thoughts on “«Vapitaly»: sbarca in Fiera la tribù del vapore | Corriere di Verona

  1. Pingback: «Vapitaly»: sbarca in Fiera la tribù del vapore | Corriere di Verona | svapoecig

  2. E’ stato interessante partecipare. Molti stand e molta gente, più di quanto ci aspettavamo. Un bravi a tutti gli organizzatori che, credendoci, stanno alimentando questo mercato, nella speranza che questa nicchia possa crescere sempre di più nonostante le mille difficoltà di questi anni.
    Ci aspettavamo invece più hardware, abbiamo constatato che l’Italia spinge molto nel settore e-liquidi, l’80-90% degli stand presentavano solo nuovi gusti dedicando molto poco allo strumento e-cig.
    Una bella esperienza comunque!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...