Salute

Studio ASH Smokefree: la sigaretta elettronica non incoraggia il fumo

ashsmoke

Alcune delle più autorevoli testate britanniche hanno riportato oggi una notizia che certamente farà discutere (come sempre quando si parla di sigarette elettroniche e minori), ma che si aggiunge all’ormai sempre più corposa letteratura che riconosce le potenzialità della sigaretta elettronica.

Una ricerca svolta dall’Istituto britannico ASH Smokefree su un campione di giovani tra gli 11 e i 18 anni e pubblicata sul Public Health Journal ha infatti portato a conclusioni ben diverse rispetto a quanto sostenuto fino ad oggi da alcuni studiosi, e cioè che la sigaretta elettronica potesse essere il primo passo verso la ben più pericolosa abitudine al fumo. Questa affermazione viene oggi considerata dagli scienziati come “ingiustificata” e a tale proposito anche il professor Kevin Fenton, direttore nazione del dipartimento salute e benessere della Public Health England ha dichiarato che il divieto di vendita ai minori di 18 anni, che sarà introdotto dal 1° ottobre prossimo (e che in Italia vige ormai da due anni), costituirà un’ulteriore deterrente all’accesso da parte dei minori a questo prodotto, riducendo ancora di più le preoccupazioni sull’uso delle sigarette elettroniche ai minori e, aggiunge Fenton, “rafforzerà il messaggio che le e-cig sono destinate ai fumatori adulti che vogliono ridurre o smettere di fumare”.

Quest’ultima ricerca realizzata da ASH nel Regno Unito, inoltre conferma un’altra importante affermazione che ormai da qualche anno studiosi e sostenitori del fumo elettronico ripetono: che nonostante ci sia un più elevato numero di minori che hanno provato la sigaretta elettronica, questi stessi minori sono in realtà, nella grande maggioranza dei casi, già fumatori delle ben più pericolose sigarette tradizionali a combustione (da cui, come ormai noto, derivano le numerose sostanze tossiche per l’organismo).

Un dato preoccupante però c’è: i più giovani tendono a non comprendere che esiste un livello di pericolosità diverso tra sigarette tradizionali e sigarette elettroniche. Questo li porta ad un consumo non consapevole e di conseguenza non volto, nel caso delle sigarette elettroniche, alla riduzione del rischio con una conseguente alta probabilità che la scelta o la preferenza finale vada alla sigarette tradizionali.  

Link al comunicato stampa ASH:

Latest data finds no evidence that electronic cigarettes are a gateway to smoking for young people

Si vedano anche:

– E-cigarettes ‘not encouraging youngsters to smoke’, Mail On Sunday
– E-cigarettes are NOT encouraging young people to take up smoking, Daily Mail
– E-cigarette use rising among British youths, campaign group study shows, The Guardian
– Number of children trying e-cigarettes doubles in a year, The Times (£)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...