Agenzia delle Dogane e dei Monopoli/Policy

Quesito AAMS: basi neutre tassate, gli aromi pure (anzi, no…)

aams mastai

Nella serata di ieri l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha inviato alle società registrate come Deposito Autorizzato la risposta ad una serie di quesiti legati al tema “basi neutre” ed “aromi”, che da mesi provocano confusione nel mercato.

Purtroppo, la Circolare in questione – a causa della usuale scarsa conoscenza ancora una volta messa in mostra da parte dell’Agenzia del settore e-cig – provocherà ulteriori polemiche. Infatti, partendo dal Dlgs 188/2014, che assoggetta ad imposta “i prodotti da inalazione senza combustione costituiti da sostanze liquide, contenenti o meno nicotina, esclusi quelli autorizzati all’immissione in commercio come medicinali ai sensi del decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219, e successive modificazioni“, afferma che quasiasi prodotto che abbia le caratteristiche per essere inalato sia assoggettato ad imposta.

Un chiaro obbrobrio giuridico, come confermato da alcuni costituzionalisti consultati da AgiVapeNews in rapporto alla sentenza n. 83/2015 della Corte Costituzionale (peraltro richiamata dalla rispsta al Quesito), che esclude dal range della tassazione i prodotti privi di nicotina.

Ma l’ADM compie un errore nel paragrafo successivo, in cui afferma che “nel caso in cui le ‘basi neutre’ e ‘gli aromi concentrati’ possono essere inalati così come sono ceduti ai punti vendita e da questi ai consumatori, non vi è dubbio che sono assoggettati ad imposta”. Infatti, mentre le cosiddette “basi neutre” risultano certamente svapabili (inalabili), non altrettanto si può dire degli “aromi concentrati”, che certamente rimangono così fuori dal perimetro impositivo.

L’ADM sottolinea ancora una volta – a spregio di quella che è la giurisprudenza consolidata della Corte Costituzionale – che la sentenza n. 83/2015 non  è riferibile alla normativa vigente, ignorando quindi i princìpi settati dalla stessa sulla non tassabilità dei prodotti senza nicotina e sull’eccesso di discrezionalità dell’Agenzia nell’identificare la base imponibile (replicata anche dalla risposta a codesto Quesito). E sulla norma attualmente in vigore si afferma infine si afferma che “non sono ancora intervenute decisioni né cautelari, né di merito“, quando invece – secondo quanto risulta ad AgiVapeNews – circa 10 giorni fa il TAR del Lazio ha pronunciato un Decreto Presidenziale monocratico di sospensiva, emanato per motivi di “estrema gravità e urgenza” limitato ad alcune aziende, rinviando poi la discussione nel merito al prossimo 8 luglio.

One thought on “Quesito AAMS: basi neutre tassate, gli aromi pure (anzi, no…)

  1. Pingback: Quesito AAMS: basi neutre tassate, gli aromi pure (anzi, no…) - Svapo Storie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...