Policy

Mercato USA, Vuse le più venduta seguita da Blu

big_tobacco_e-cig_newport_blu

Qualcuno ha sorriso quando Susan Cameron, chief executive di Reynolds America, ha presentato la prima sigaretta elettronica della società, Vuse, descrivendola come un “cambio di marcia”. Dopotutto, la Reynolds è approdata in ritardo nel mercato delle e-cigs con il suo prodotto interno, in particolare dopo l’ottimo inizio delle e-cigs Blu, il top brand acquisito da Lorillard Inc. nell’aprile 2012. Tuttavia, quasi un anno dopo il lancio nazionale di Vuse nel giugno 2014, è chiaro che la Cameron non si stesse solo vantando.

Secondo i dati Nielsen, a partire dal 16 maggio Vuse ha il 35,7% della quota di mercato degli Stati Uniti misurata in tutti i canali distributivi delle e-cigs. Vuse è disponibile presso oltre 100.000 punti vendita in tutta la nazione.

Blu eCigs è secondo per quota di mercato con il 22,7%, mentre Logic,  acquistata recentemente da Japan Tobacco, è terzo al 13,8%. I dati Nielsen si concentrano principalmente sulle vendite nei convenience store, e includono vaporizzatori o prodotti da svapo a sistema aperto, ma questi ultimi sono più spesso acquistati presso negozi di sigarette elettroniche e tobacco outlet.

Relativamente alla quota di mercato calcolata in base alle unità, Vuse si sta già “marlborizzando” con il 46,9%, seguita da Blu eCigs al 17,4% e Logic all’8%. “La quota di mercato in base alle unità” rappresenta la percentuale di unità vendute da una società rispetto al totale delle unità vendute nel mercato. “La quota di mercato” misura le entrate di una società rispetto a quelle totali dell’intero mercato.

Reynolds non ha creato una linea di reporting finanziario separata per le entrate di Vuse, includendolo invece nella categoria “altro”, che aveva un fatturato nell’anno fiscale 2014 di 263 milioni di $, in crescita del 37,7% rispetto all’anno fiscale 2013.

Lorillard ha riportato che le vendite di Blu sono scese a 165 milioni di $ nell’anno fiscale 2014 (28,3%), anche se le alte sfere sono sicure che la prossima generazione di prodotti Blu Cigs sarà maggiormente trainata dai fumatori.

Ciò che ha reso i dirigenti di Reynolds così fiduciosi in Vuse è la loro pretesa che Vuse dia “la boccata perfetta, la prima volta come ogni volta“, grazie alla tecnologia che include un microprocessore digitale. Questo dispositivo funziona in combinazione con un chip di memoria per controllare gli elementi chiave della vaporizzazione, con una migliore gestione della batteria.

La lotta di MarkTen

Gli ultimi dati Nielsen dicono anche che MarkTen, la e-cig della NuMark, controllata di Philip Morris USA, continua a lottare per guadagnare quote di mercato, anche se è stata lanciata a livello nazionale nello stesso periodo di Vuse. Markten è al 6,1% calcolando tutti i canali di distribuzione e al 7,6% della quota di mercato basata sulle unità.

Bonnie Herzog, analista di Wells Fargo Securities, stima che le entrate totali del settore delle e-cigs aumenteranno a 10 miliardi di $ entro il 2017.

Si prevede anche che Reynolds avrà 4 miliardi di $ dal mercato delle e-cigs entro il 2021, rispetto ai 3,9 miliardi di $ da sigarette tradizionali. Questo è confrontato con il minimo delle entrate provenienti dalle e-cigs e i 6,4 miliardi di $ del fatturato da sigarette tradizionali nel 2013.

Siamo incoraggiati dal fatto che le vendite continuano a crescere, trainate dall’ingresso delle Big Tobacco nazionali nel mercato delle e-cigs“, afferma Herzog. “Riteniamo che il lancio iniziale e poi l’awareness generata da Vuse e MarkTen dovrebbero contribuire a elevare l’intera categoria e guidare l’aumento degli ingressi“.

Il settore si concentra sull’acquisizione di Newport (marchio di Lorillard) da parte di Reynolds, un affare da 29,04 miliardi di dollari in attesa di definizione. Newport è il secondo marchio di sigarette tradizionali per vendite, e il primo se si parla di sigarette al mentolo. Con l’approvazione preliminare della Federal Trade Commission data la scorsa settimana, l’affare dovrebbe chiudersi entro il 30 giugno.

In una fase successiva e correlata, Imperial Tobacco Group ha accettato di pagare a Reynolds 7,1 miliardi di $ per quattro marchi di sigarette tradizionali e per le Blu Ecigs.

A seguito di questo affare Philip Morris si appresta a raggiungere la quota di mercato della sigaretta tradizionale del 51% per gli Stati Uniti, mentre Reynolds sale al 33-34% avendo Newport, il terzo brand Camel e il quarto Pall Mall.

Il potenziale di crescita

Secondo le attuali tendenze Vuse, insieme al più venduto marchio di tabacco umido Grizzly e al brand premium nella top-10 delle sigarette tradizionali Natural American Spirit, potrebbe consentire a Reynolds di prendere le redini come azienda globale top del settore entro il prossimo decennio.

Herzog ha predetto nel maggio 2014 che la Philip Morris avrebbe potuto vedere la propria quota di mercato nel settore compressivo in calo dal 47 attuale al 32% nel 2023. Reynolds, al 25% adesso, potrebbe schizzare invece al 36%.

Lo scenario si basa sulla premessa che Philip Morris non comprerà un concorrente più piccolo mel settore delle e-cigs (anche se gli analisti dicono che ha certamente il denaro e il motivo per farlo).

Reynolds ha promesso formalmente nel maggio 2014 l’aggiunta di 200 posti di lavoro all’enorme stabilimento di Tobaccoville, come parte dell’aumento della produzione di Vuse oltre a una facilitazione negli appalti in Kansas. Si prevede di aggiungere oltre 2km di metri quadrati di spazio per la produzione. Reynolds ha inoltre affermato che l’espansione potrebbe richiedere fino a quattro anni.

Vuse rischia di diventare globale come parte di un atteso accordo di scambio tecnologico tra Reynolds e British American Tobacco Ltd che riguarda 4,2 miliardi di $ di investimenti aggiuntivi di BAT in Reynolds per mantenere la sua quota di proprietà del 42%.

Una nota cautelare è la crescente popolarità dei vaporizzatori, che offrono molte più scelte tra gli aromi alla nicotina e opzioni da zero nicotina fino a 24 milligrammi.

Tuttavia, gli analisti riconoscono che gli addetti al marketing del settore dello svapo possono avere una stretta finestra di opportunità in quanto la Food and Drug Administration ha iniziato la revisione formale di tutti i prodotti della categoria.

Si prevede che la FDA riveli l’ultima tornata di proposte di regolamentazione nel mese di giugno; queste potrebbero riguardare la limitazione delle vendite su Internet, ma anche le campagne promozionali che comprendono la televisione e i social media, e limitare gli aromi al gusto di caramelle e frutta che i sostenitori dell’anti-tabacco bollano come irregolari perché attrarrebbero i giovani.

Alcuni analisti ritengono che la FDA opterà per la limitazione, se non addirittura il divieto, delle cartucce di e-liquid a sistema aperto, per motivi sanitari. Il liquido alla nicotina di Vuse è parte di un sistema chiuso, progettato in modo che la batteria possa essere utilizzata solo con una delle sue cartucce.

Mi aspetto che Reynolds e Altria seguano Lorillard e Logic, progettando tank a sistema chiuso che contengano 2 ml o più di e-liquid, batterie leggermente più larghe e una gamma più ampia di aromi“, ha detto Gregory Conley, presidente della American Vapor Association.

Purtroppo, piuttosto che concentrarsi sulla vera innovazione che potrebbe fare la differenza per i consumatori, molte di queste aziende stanno solo cercando di riciclare idee e attendere che la FDA rimuova i prodotti della concorrenza delle piccole imprese dal mercato statunitense“.

Fonte: Winston-Salem Journal

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...