Opinioni

Tre prospettive sul settore e-cig. L’opinione di Jan Verleur, V2 E-Cigs

futrev2

Il settore delle sigarette elettroniche porterà una cifra come 3,5 miliardi di $ ricavati dalle vendite totali entro la fine dell’anno, in base al rapporto Wells Fargo. Si prevede il superamento della soglia dei 10 miliardi nel 2018. Per un settore che ha poco meno di 10 anni, è una crescita impressionante.

Euforia a parte, con la maturazione dell’industria siamo vicini ad assistere ad alcuni cambiamenti fondamentali legati alle preferenze dei consumatori, all’innovazione del prodotto e alle aree di investimento. Con questi cambiamenti in prospettiva, ecco come potrebbe evolvere il settore entro la fine dell’anno.

  • Le Big Tobacco sproneranno la crescita del settore dei vaporizzatori

Gli strumenti a sistema aperto continueranno a crescere, con svapatori vecchi e nuovi che si avvicineranno a strumenti più potenti, come quelli modello-tank. Big Tobacco, con la spinta verso il mercato delle e-cig, potrebbe promuovere la crescita del settore piuttosto che mettercisi contro. Lo scorso anno le vendite di vaporizzatori erano già in crescita due volte più velocemente delle e-cig, e a settembre hanno raggiunto e superato il tradizionale mercato delle e-cig secondo l’analista di Wells Fargo Bonnie Herzog. Non è certo una sorpresa, poiché i vaporizzatori offrono opportunità maggiori rispetto alle sigarette elettroniche come una batteria più durevole e l’abilità di plasmare a piacimento la “svapata” attraverso molte opzioni di miscela, di scelta dei gusti e dosaggio del vapore. Detto questo, le maggiori compagnie del tabacco, tra le altre, continuano a portare avanti le loro affermazioni sulle e-cig, la cui forma somiglia molto di più alle sigarette tradizionali e per questo potrebbe attrarre il fumatore per la simile esperienza sensitiva e forma.

Gli investimenti di Big Tobacco nel segmento e-cig senza entrare nel settore degli strumenti a sistema aperto è una buona notizia per l’intero settore. Un trend comune dell’e-vapor è che i nuovi utilizzatori cominciano con strumenti a loro più facili da usare e poi passano ai sistemi più forti. Più le Big Tobacco entrano nel settore delle “cigalike”, più soggetti potranno entrare con poche difficoltà nel settore dei vaporizzatori a sistema aperto. Se le società del tabacco entrano nel settore a sistema aperto, incontreranno la vigorosa concorrenza dai soggetti indipendenti già presenti nel mercato, che dalla loro parte hanno un adeguato livello di affezione dei clienti abituali.

  • L’innovazione rapida porterà alla “democratizzazione” degli strumenti da svapo

Cosa significa questo per i convenience store, che a differenza dei vape shop e delle tabaccherie operano in uno spazio più ristretto?

Con strumenti a sistema aperto e potenza maggiore che entrano nel flusso maggiore, la domanda di questi prodotti nei negozi fisici aumenterà di certo. Di conseguenza, più modelli verranno progettati proprio per questi canali di vendita, dove i prezzi saranno più bassi per orientare la vendita al negozio fisico. Molti consumatori acquistano i vaporizzatori in convenience store, dove i prezzi devono essere ragionevoli per spingere all’acquisto.

Una minaccia che incombe su questo promettente segmento è quella di una eccessiva regolamentazione. I legislatori a livello locale e nazionale stanno mettendo portando avanti norme sulla produzione, commercializzazione e vendita di e-cig, e alcune di queste possono puntare gli strumenti a sistema aperto grazie al design dei prodotti che consente la modifica da parte dello stesso utente. L’incertezza normativa comporta che alcuni produttori e settori di vendita al dettaglio possano evitare il salto verso gli strumenti a sistema aperto, scegliendo di concentrarsi sulle e-cigs finché non vi sarà una maggiore chiarezza da parte della Food and Drug Administration.

Ad ogni modo, questo non significa prodotti di qualità. L’innovazione nella categoria continua ad un ritmo rapido. In passato, c’era un trade-off. Vaporizzatori più economici significava in genere potenza limitata e la qualità inconsistente. Ma oggi il miglioramento impressionante del prodotto sta consentendo ai produttori di creare dispositivi potenti e di alta qualità che sono anche convenienti. Questo è successo proprio al momento giusto, con l’innovazione e la domanda che si uniscono.

Poiché l’innovazione continua e i sistemi aperti in vendita diventano più disponibili, i prezzi continueranno a scendere. Si tratta di una tendenza comune per i prodotti tecnologici, dagli smartphone ai fitness monitor; i vaporizzatori sperimenteranno una “democratizzazione” simile, con prodotti ad alta potenza disponibili a tutti i livelli di prezzo. E come gli smartphone, ci saranno sempre prodotti di fascia alta, prodotti più costosi a seguito di innovazione; ma nei convenience store, tenere prezzi più bassi sarà la chiave del successo.

  • Investimenti record in ricerca e sviluppo

Se, come probabile, i prodotti a sistema aperto diventeranno il driver nel settore dell’e-vapor, i grandi player del settore, dalle imprese di vaporizzatori ai produttori di sigarette tradizionali investiranno ingenti somme in ricerca e sviluppo per soddisfare la domanda.

Ma per quanto riguarda le e-cigs? Sono semplicemente un ponte che aiuta la transizione da sigarette convenzionali ai sistemi da svapo? Forse le e-cig hanno ancora un futuro, in quanto sono in genere il primo dispositivo che uno svapatore adotta e probabilmente il dispositivo finale per alcuni. In ultima analisi, per convertire più fumatori allo svapo, è necessaria ulteriore attività di ricerca e sviluppo per creare un e-cig, che serva come alternativa migliore alle sigarette tradizionali. I produttori dovranno continuare ad investire per offrire l’alternativa più vicina possibile in formato elettronico.

Alla fine, si prevede un continuo miglioramento sia riguardo le e-cigs che i vaporizzatori, dove la prospettiva a lungo termine sarà determinata dalla domanda dei consumatori, dall’innovazione dei produttori e, ovviamente, dalle decisioni normative. Il mercato dell’e-vapor è ancora molto giovane. Nonostante la relativa giovinezza del settore, tuttavia, questo è in rapida evoluzione e continuerà a esserlo nel prossimo futuro.

 

Fonte: Jan VerleurCo-founder & CEO, V2 E-Cigs –  CSPnet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...