Salute

Regno Unito, studi: Per smettere di fumare serve svapare ogni giorno

Secondo due ricerche, l’uso occasionale di e-cig non aumenta la possibilità di disassuefazione. I modelli “tank” aiutano più dei modelli “a sigaretta” coloro che vogliono lasciare il fumo. Oltre il 25% degli utilizzatori di tank lascia dopo un anno, solo l’11% invece per gli utilizzatori dei modelli “a sigaretta”. Le e-cig “tank” hanno contenitori che si possono riempire con e-liquid, mentre i modelli a sigaretta hanno cartucce ricaricabili.

Sigaretta-elettronica

I fumatori che vogliono mollare il fumo per le e-cig le devono usare ogni giorno, dicono gli esperti. Due nuove ricerche affermano che l’uso occasionale non aiuta le chance di disassuefazione, e che il tasso di abbandono dipende dal tipo di e-cig.

Scienziati del King’s College di Londra hanno scoperto che dopo un anno di uso di e-cig tank più di un quarto degli svapatori ha lasciato il fumo. Questo è comparato all’11 % degli utilizzatori di e-cig formato sigaretta che hanno lasciato il fumo, che è ancor meno del 13% che ha mollato il fumo senza usare le e-cig.

Le e-cig, usate da più di 2 milioni di fumatori e meno dannose del 95% rispetto alle sigarette tradizionali, funzionano a batteria e producono un vapore da un liquido contenente nicotina. Quelle a sigaretta, o “cigalike”, hanno cartucce ricaricabili, mentre quelle modello tank hanno una forma totalmente diversa e possono essere ricaricate con e-liquid.

La coordinatrice del lavoro Sara Hitchman ha dichiarato: “La nostra ricerca dimostra l’importanza di distinguere tra diversi tipi di e-cig e sulla frequenza d’uso quando si analizzano le associazioni tra e-cig e abbandono del fumo. A questo punto non sappiamo perché le persone che usano le e-cig tank giornalmente sono più adatte a mollare.”

Ann Mc Neill, dell’Istituto di Psichiatria del King’s College, ha aggiunto che “molti fumatori vogliono smettere ma sono in difficoltà, e i gruppi svantaggiati e isolati lo sono ancora di più. Usare una e-cig, e frequentemente, aiuta a smettere più velocemente, e se non funziona il modello “cigalike” si può provare l’altro.

Nessuna nelle due ricerche prova che le e-cig permettono alle persone di smettere, ma entrambe contengono elementi secondo i quali possono aiutare a farlo.

Le ricerche erano basate su un’inchiesta condotta su più di 1500 fumatori nel dicembre 2012, che è stata riproposta un anno dopo. Il primo studio, pubblicato sul giornale Addiction, ha scoperto che il 65% di coloro che stavano usando una e-cig giornalmente cercavano di smettere nei termini di massimo un anno, paragonati al 44% dei fumatori. Non c’era prova che gli utilizzatori quotidiani di e-cig fossero più vicini a lasciare il tabacco a fine anno, ma il 14% ha comunque ridotto il consumo di almeno la metà. Il coordinatore Leonie Brose ha detto “sappiamo già che usare le e-cig per tentare di smettere di fumare aumenta le chance di successo, rispetto al tentativo fatto senza alcun supporto. Questo studio non testa quanto aiutino a smettere, perché abbiamo analizzato i fumatori che le usano per qualsiasi tipo di motivo, inclusi quelli che vogliono variare il loro modo di fumare e altri che non possono fumare in alcune situazioni. Ma è incoraggiante notare anche che l’uso regolare di e-cig è collegato a ridurre il numero di sigarette letali fumate e aumenta i tentativi di smettere di fumare l’anno successivo.

Il secondo studio, pubblicato su Nicotine and Tobacco Research, ha scoperto che le persone che provano a smettere di fumare avevano più successo utilizzando le e-cig modello tank, ricaricabili con vari dosaggi di nicotina e aromi e scelte da 3 aspiranti non-fumatori su 4. Questo tipo di e-cig aiuta a smettere più del modello “cigalike”.

Linda Bauld, professoressa di salute pubblica all’università di Stirling, ha ritenuto lo studio un ottimo contributo per la dottrina in materia di sigarette elettroniche. “Questo studio ci dice che tipo di sigarette sono già conosciute dagli utilizzatori. Il tipo di strumento, quanto spesso è usato, quanta nicotina contiene. Alcuni strumenti saranno efficaci per aiutare i fumatori a smettere o a ridurre il fumo. Studi futuri devono mantenere l’attenzione su questo aspetto e non trattare tutti gli svapatori allo stesso modo”.

Martin McKee, professore di Salute Pubblica Europea alla London School of Hygiene and Tropical Medicine ha detto che i due paper saranno una sfida seria alla visione espressa dai supporter delle sigarette elettroniche che sono un’innovazione fortemente dirompente che potrà cambiare radicalmente il controllo sul tabacco. Su altre questioni, non affrontate direttamente da questo studio, sulla tossicità di un’inalazione di lungo periodo di nicotina e aromi contenuti in questi prodotti, sembra che l’approccio precauzionale adottato dalle autorità di salute pubblica in molti Paesi rimanga giustificato”.

Fonti: The Guardian / Daily Mail

One thought on “Regno Unito, studi: Per smettere di fumare serve svapare ogni giorno

  1. Chi è Consapevole non fuma. Perchè il fumo è la più stupida mortale e costosa trappola che l’uomo si sia mai costruito! Per cui Smettere di Fumare adesso puoi, quindi fai la differenza qui:  http://goo.gl/WTB0X6 ed è molto più facile!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...