Esteri/Policy

Portogallo, ecco i liquidi con tassa da 6 euro e fascetta

liquideo-taxe-portugal

In occasione dell’approvazione della Legge Finanziaria 2015, nello scorso mese di ottobre, il governo portoghese ha imposto sui liquidi per e-cig con nicotina una tassazione di 60 centesimi per millilitro.A comparazione, l’imposta di consumo italiana è di 37,3 centesimi per millilitro di liquido da inalazione, con o senza nicotina.

La ragione invocata dal Governo del Portogallo è stata quella relativa al fatto che questi prodotti “sono presentati come delle alternative al tabaccoha spiegato il giornale Publico. Inoltre, la scelta sarebbe stata mirata a proteggere “la sanità pubblica” del paese e ad applicare un principio di “d’équità fiscale“. Il provvedimento dovrà raccogliere, secondo le stime, 105,9 milioni di euro. Una cifra assolutamente irrealistica, considerando che in Portogallo oltre alle notevoli scorte accumulate è già partita la corsa all’acquisto online dall’estero, come in Italia. Ma in Portogallo da più parti si parla di una manovra del governo unicamente finalizzara a proteggere le entrate fiscali derivanti dal tabacco, in un paese in cui il 20% delle persone fuma (dato 2005) e in cui il prezzo dei pacchetti non è affatto alto.

Per l’avvio della tassazione mancavano però alcuni passaggi burocratici, che appaiono ormai in dirittura d’arrivo. Sono infatti in corso di distribuzione i primi liquidi con tassa, per i quali le autorità hanno previsto l’imposizione di un bollino fiscale simile a quello delle sigarette, e con il prezzo del prodotto prestampato. Questo è infatti ciò che è possibile ricavare dalla foto postata su Facebook dal vaper attivista Dimitris Agrafiotis (soprannominato “The Vaping Greek”) che immortala dei liquidi della francese Liquideo con tanto di fascetta. Sui flaconi da 10ml la tassa amonta quindi a 6 euro, il che sta comportando un raddoppio netto dei prezzi al pubblico.

A tutto ciò si aggiunge proprio ieri la proposta del Ministero della Salute portoghese di vietare l’uso della sigaretta elettronica con nicotina nei locali pubblici.

La novità fascetta

Al di la della tassa, nota ormai da mesi, la sorpresa arriva dall’imposizione della fascetta fiscale sui flaconi. Una scelta che imita quella delle sigarette, e di cui si inzia a parlare anche in Italia, dove l’impossibilità di tracciare il prodotto ha creato un mercato disordinato (e spesso in nero) che sta danneggiando gran parte degli operatori e anche le entrate fiscali. Una questione che sta sollevando polemiche, e in relazione alla quale già domani verrà presentata alla Camera dei Deputati un’interrogazione parlamentare da parte dell’on. Busin (Lega Nord), che segue sempre con attenzione i problemi del settore e-cig.

Sul tema presto potrebbe partire un confronto presso l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, anche in vista della trasposzione della Direttiva 40/2014, la cui entrata in vigore è prevista per la primavera 2016.

One thought on “Portogallo, ecco i liquidi con tassa da 6 euro e fascetta

  1. Pingback: E-cig, AAMS favorevole alle “fascette”. E sono in arrivo controlli sulle aziende |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...