Esteri/Salute

La Norvegia contro le e-cig con nicotina. Il dott. Farsalinos: “Ritirate quel rapporto pieno di errori”

 

norvegia

Alcuni giorni fa, il Dipartimento della Salute norvegese ha pubblicato e presentato al Parlamento un rapporto sulle sigarette elettroniche. Lo studio, pur affermando un sempre maggiore uso delle e-cig da parte quasi unicamente di ex fumatori, e un’apertura nei confronti delle strategie di harm reduction, ha però attirato critiche a 360° da parte degli esperti del mondo e-cig, che sottolineato come le conclusioni del rapporto siano molto lontane dalla realtà in relazione ai danni indiretti prodotti dallo svapo di nicotina, e soprattutto molto discordanti rispetto a quelle dei maggiori studi recenti in materia (tutti su AgiVapeNews).

In particolare il dottor Kostantinos Farsalinos, uno dei maggiori esperti al mondo di e-cigarettes, ha contestato il riferimento eccessivo alla grande e preoccupante – secondo i norvegesi – varietà di liquidi per sigaretta elettronica presenti nel mercato: un messaggio che rischia solo di destare preoccupazione nei confronti dell’aspirante svapatore, oltre che generare disinformazione di massa.

L’errore maggiore compiuto dagli studiosi norvegesi, però, si riferisce al potenziale rischio per la salute dovuto all’esposizione al vapore prodotto dallo svapo di e-cig. Viene infatti sottolineato come il livello di nicotina prodotto dalle e-cig nell’aria possa influenzare l’assunzione di nicotina anche per i non svapatori “allo stesso modo in cui lo fa il fumo da sigaretta”, aumentando il rischio di problemi cardio-circolatori legati all’eccessivo livello raggiunto da questa sostanza nel sangue. Questa conclusione, secondo Farsalinos, deve essere “immediatamente ritrattata”.

La gravità dell’errore norvegese incide su due piani differenti:

  • Il livello di nicotina prodotto dallo svapo nell’aria è 10 volte inferiore rispetto a quello prodotto dal fumo di sigaretta tradizionale;
  • In secondo luogo, l’esposizione passiva allo svapo non causa “livelli di nicotina similmente alti” nel sangue, ma piuttosto “livelli di nicotina similmente minimi” rispetto a quelli della sigaretta tradizionale.

Commentando un similare studio spagnolo, Farsalinos ha aggiunto che i livelli di nicotina assunti passivamente dai non-svapatori non solo non producono danni, ma non hanno alcun effetto biologico.

Lo studio non riesce neanche a dare delle conclusioni valide o documentate sulle policy regolamentari da attuare nei confronti della nuova tendenza delle e-cig. L’unico passo avanti è stato il riconoscimento di reali potenzialità di riduzione dei danni alla salute causati dal fumo grazie all’introduzione di e-cig. In Norvegia è però ancora in vigore un divieto sui liquidi alla nicotina (classificata come prodotto del tabacco). L’Istituto Norvegese per la Ricerca su Alcool e Droga (SIRUS) per bocca di Karl Erik Lund ha positivamente commentato il report, che in ogni caso è “segno di una rinnovata attenzione del governo nei confronti dell’argomento”.

In conclusione, lo studio norvegese crea problemi soprattutto a chi voglia avvicinarsi al mondo delle e-cig, poiché genera disinformazione, per lo più visto che è stato diffuso da un organismo scientifico. Sarà necessario un deciso sforzo di comunicazione a partire dal Dipartimento della Salute e dagli autori dello studi o per correggere il tiro.

L’unione norvegese degli svapatori (Norwegian Union of Vapers – NDS) ha richiamato all’azione anche gli stessi consumatori di e-cig per un’ulteriore attività di pressione sui media, che si stanno sempre più interessando all’argomento dopo la diffusione delle dichiarazioni di nuovi svapatori che hanno beneficiato dell’uso delle e-cig, o dei problemi legati all’importazioni di liquidi – innocui – dalla Svezia, visto il divieto vigente in Norvegia.

In conclusione, il lavoro dell’Istituto Norvegese per la Ricerca su Alcool e Droga (SIRUS) dimostra ancora una volta come il tema e-cig sia trattato con troppa superficialità e a volte demagogia, in particolare da parte di istituzioni pubbliche deputate a proteggere la salute dei cittadini, ma che invece spesso finiscono per fare il gioco dei suoi nemici.

One thought on “La Norvegia contro le e-cig con nicotina. Il dott. Farsalinos: “Ritirate quel rapporto pieno di errori”

  1. Pingback: Nicotina sigaretta elettronica, Dott. Farsalinos sul fumo passivo: innocuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...