Policy

Francia, i produttori approvano norme volontarie sugli standard

 

afnor

Le prime norme volontarie sulle sigarette elettroniche e i liquidi per ricariche sono state presentate alcuni giorni fa dall’AFNOR, associazione francese per la standardizzazione e uno dei più importanti Organismi di Certificazione accreditati del mondo.

Si tratta di documenti tecnici che produttori, fornitori o laboratori possono scegliere o meno di rispettare, nel quadro della propria attività professionale.

Questa base di raccomandazioni è volta a rassicurare i consumatori, favorire le buone pratiche professionali e sostenere lo sviluppo del mercato dello svapo in Francia.

Rafforzare la qualità e la sicurezza dei prodotti

 

Le prime due sigle da ricordare sono XP D90-300-1 e XP D90-300-2. La prima norma riguarda i materiali e più precisamente i rischi di surriscaldamento degli atomizzatori, mentre la seconda definisce tra le altre cose “una lista di prodotti, sia autorizzati, sia vietati, oltre che dei requisiti per i contenitori” spiega l’ANFOR.

Queste norme si inseriscono in una logica di recepimento della direttiva europea (TPD2) che il governo francese sta mettendo in atto all’interno della Legge sulla Salute in corso di approvazione all’Assemblea Nazionale.

Un terzo standard volontario sulla caratterizzazione delle emissioni sarà completato nell’estate del 2015. Da notare che queste prime due norme francesi saranno alla base dei progetti di standard europei. La Francia presiede i lavori in seno al Comitato europeo di normalizzazione (CEN), una prima riunione di lavoro è prevista per il 22 giugno 2015.

Il lavoro è stato avviato dall’Istituto Nazionale dei Consumatori francese (INC) sotto l’egida dell’AFNOR, con il professor Bertrand Dautzenberg – not pneumologo – che ha presieduto questa commissione per la standardizzazione.

Lo pneumologo si è congratulato con tutti gli attori coinvolti che sono riusciti in dieci mesi a scrivere e ottenere un “consenso” nonché a mettere in atto un programma che sembrava “da folli poter realizzare in un così breve lasso di tempo”.

Lo svapo: Una speranza per la salute pubblica che il governo fatica ancora a considerare

Bertrand Dautzenberg sembra inoltre essere soddisfatto di queste prime norme e indica in un comunicato stampa che “porteranno a veder scomparire i prodotti mal fabbricati e a ridurre gli utilizzi non appropriati” e aggiunge che potranno facilitare “l’utilizzo di questi prodotti per un’uscita di massa dal problema del tabagismo”, prima causa di morte prematura nel mondo. Una frase choc che i deputati francesi sembrano ancora non voler comprendere. Questi ultimi dibatteranno molto probabilmente oggi sugli ultimi emendamenti riguardanti le sorti la sigaretta elettronica nel progetto di legge sulla Salute.

Giulia Carli

2 thoughts on “Francia, i produttori approvano norme volontarie sugli standard

  1. Pingback: UNI, al via i lavori per gli standard delle sigarette elettroniche |

  2. Pingback: Standard e-cig, arrivano quelli britannici sui liquidi |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...