Salute

Nuovo studio del prof. Farsalinos: Liquidi “tabaccosi”, enormemente meno dannosi delle sigarette

liquidi tabacco

I liquidi cosiddetti “tabaccosi” contengono una quantità siginificativamente minore di organismi dannosi  rispetto allo stesso tabacco, anche quando gli aromi sono estratti da foglie di tabacco. E’ il riusltato di uno studio del prof. Konstantinos Farsalinos dell’ Onassis Cardiac Surgery Center, uno dei maggiori supporter della sigraretta elettronica nella comunità scientifica, che in uno studio ha comparato i livelli di nitrosamine da tabacco, nitrati (presenti nelle piante di tabacco) e fenoli (che derivano dal riscladamento del tabacco trattato durante l’estrazione) e aldeidi (che possono rintracciarsi sia nella pianta di tabacco e esalare dal riscaldamento dello stesso) presenti nei liquidi da inalazione rispetto alle sigarette.

Farasalinos ha anche esaminato i differenti livelli di questi elementi chimici presenti nei liquidi che usano aromi alimentari rispetto a quelli che usano “estratti naturali del tabacco”, che alcuni consumatori considerano essrre in grado di rievocare al meglio il sapore delle sigarette.

Sono stati analizzati 21 liquidi disponibuili sul mercato greco, la metà dei quali “tabaccosi”, e i dati sono stati comparati con quelli esistenti derivanti dagli studi su tabacco e fumo.

Per tutte e tre le categorie di elementi chimici, la media di presenza in 1ml di liquido è stata meno dell’1% di quanto trovato in 1g di tabacco, o nel fumo di una sigaretta nel caso dei fenoli.

I TSNA sono probabilmente i più importanti composti chimici associati megativamente con gli effetti sulla salute del tabacci, in particolare a causa dell’alto livello di carcinogenità” è scritto nello studio, ma nei liquidi “i livelli rilevati sono a livelli di tracce“, senza alcuna differenza statistica tra i tabaccosi e i liquidi con aromi a base alimentare. In ogni caso, i fenoli risultano più comuni nei NET e-liquids che negli altri. E’ chiaro che un’analisi più vasta dei liquidi esistenti potrà dare risultati più accurati.

Ulteriori test hanno poi messo in mostra differenze nel livello di nicotina presente nei liquidi rispetto a quanto riportato nell’etichetta, una cosa già verificata in passato.

Il paper “Nicotine levels and presence of selected tobacco-derived toxins in tobacco flavoured electronic cigarette refill liquids”, è stato pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Health da Farsalinos e altri colleghi dell’Università di Patrasso in Grecia e della società Enthalpy Analytical del North Carolina, specializzata nell’analisi dell’aria.

La ricerca presenta certamente un range limitato, ma ancora una volta dimostra che le sigarette non sono completamente prive di rischi (“sempre meglio l’aria di montagna”, cit.), ma che sono enormemente meno dannose delle sigarette tradizionali, i cui composti chimici tossici e cancerosi non sono di fatto presenti nei liquidi in dosi pericolose, nemmeno quando si parla di liquid a base di tabacco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...