Salute

WCTOH, gli esperti difendono le e-cig contro l’OMS

WCTOH

Aumentano nel mondo i non fumatori secondo gli ultimi dati diffusi dall’Oms che mette comunque in guardia sollecitando i governi ad intensificare le azioni di lotta contro l’industria del tabacco e a ridurre drasticamente il consumo dei prodotti del tabacco.Non fumare, quindi, sta diventando la nuova norma in tutto il mondo secondo il nuovo rapporto globale sulle tendenze in fumo di tabacco lanciato  alla 16 ° Conferenza mondiale sul Tabacco e la salute (Wctoh) in corso a Abu Dhabi fino al 21 marzo.

Secondo l’Oms è comunque necessario aumentare le azioni volte a contenere l’epidemia del tabacco per raggiungere l’obiettivo globale di ridurre il consumo di tabacco del 30% entro il 2025 per ridurre le morti premature da malattie non trasmissibili. Un nuovo studio sulle tendenze globali e le proiezioni per l’uso del tabacco pubblicato su The Lancet in vista della Wctoh ha rilevato che la prevalenza di uomini fumatori è diminuita in 125 paesi tra il 2000 e il 2010, e in 156 paesi per le donne. Tuttavia, sulla base delle tendenze attuali, solo 37 paesi sono sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di riduzione del 30% del tabacco.

Ma proprio intorno al tema della riduzione delle malattie derivanti da fumo si sta svolgendo una battaglia sul ruolo delle sigarette elettroniche. Alla conferenza di Abu Dhabi infatti, molti esperti hanno difeso la sigaretta elettronica, respingendo le preoccupazioni che possa promuovere la dipendenza da nicotina tra gli adolescenti. La maggior parte di questi esperti, tuttavia, ha convenuto che dovrebbe regolare l’uso di e-sigarette perché i suoi effetti sono ancora troppo poco conosciuti.

Konstantinos Farsalinos, ricercatore presso il Centro di Chirurgia Cardiaca  Onassis di Atene, ha citato uno studio che ha coinvolto circa 19.500 intervistati, soprattutto negli Stati Uniti e in Europa. L’81% di questi ha riferito di aver smesso di fumare grazie al sigaretta elettronica. “In media, hanno smesso nel primo mese di utilizzo della e-sigaretta,” ha detto. “Noi non vediamo risultati simili con alcun altro metodo di sostegno per smettere di fumare.”

Tuttavia, il capo della Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), Margaret Chan, ha espresso il suo sostegno ai governi che vietano o regolamentano in maniera stringente l’uso della sigaretta elettronica.

Non fumare è la norma e le e-sigarette deviano il pensiero normale, perché incoraggiano il fumo, in particolare tra i giovani“, ha detto ai giornalisti a margine della Conferenza.

Ma per Jean-François Etter, docente presso l’Università di Ginevra, “le e-sigarette e gli inalatori di nicotina non dovrebbero essere eccessivamente regolamentati.” Questo potrebbe “ridurre il numero dei fumatori che si rivolgono a questi nuovi prodotti” a vantaggio “solo grandi gruppi di aziende produttrici di tabacco.

Le prime e-sigarette sono state prodotte in Cina nel 2003 a seguito dell’invezione del farmacista Hon Lik, che oggi lavora con Fontem Ventures, società controllata da Imperial Tobacco, che ha appena lanciato in Italia e Francia la sua e-cig JAI.

Alan Blum, docente di medicina generale e direttore del Centro per lo Studio del Tobacco presso la University of Alabama, la sigaretta elettronica è generalmente raccomandata per i pazienti che vogliono smettere, piuttosto che “prescrivere un farmaco che ha effetti collaterali e non funziona molto bene“. Ma Blum deplora l’uso delle e-cig da parte di bambini, o il fatto che alcuni le usano con cannabis o marijuana”.

Mr. Farsalinos dal canto suo ha citato uno studio ancora non pubblicato che afferma che “se il 3% dei fumatori iniziasse ad usare le sigarette elettroniche, circa due milioni di vite sarebbero salvate nei prossimi venti anni“. Secondo l’OMS, il tabacco uccide quasi sei milioni di persone all’anno, e se non si interviene rapidamente, saranno otto milioni nel 2030.

One thought on “WCTOH, gli esperti difendono le e-cig contro l’OMS

  1. Pingback: «Dannose. No, utili». La strana altalena ora riabilita le svapo | Corriere della Sera |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...