Esteri

Irlanda, proposta di legge: e-cig come il tabacco. Proteste dei fumatori

E cigs bill launch 30.1.15 pic 1

Come nel resto del mondo, anche in Irlanda è intenso il dibattito sulla regolamentazione delle sigarette elettroniche, il cui ultimo atto – per il momento – è la proposta di legge dalla senatrice del partito Fianna Fáil, l’on. Averil Power, e da parte del senatore indipendente e oncologo John Crown.

I  due senatori vogliono vedere le sigarette elettroniche soggette alle stesse restrizioni previste per il tabacco, oltre all’introduzione dei contenitori con aperura a prova di bambino per i flaconi di liquidi con nicotina.

“Le sigarette elettroniche non saranno dannose quanto il tabacco, e pssono  aiutare le persone a smettere, ma alcune preoccupazioni sono state espresse dall’OMS e da altri,” ha detto la senatrice Power.

Se la proposta fosse approvata, pubblicità, sponsorizzazioni e svapo nei luoghi pubblici verrebbero vietati, come anche la vendita ai minori e il consumo in auto con minori. Il draft prevede anche una standardizzazione delle confezioni.

Il prof. Crown ha spiegato di aver sempre raccomandato alle persone di smettere di fumare, consigliando però la sigaretta elettronica come alternativa preferibile. “Ma ci sono rischi specifici delle e-cig che non emergono con le sigarette tradizionali. Per esempio, le e-cig che hanno atomizzatori che riscaldano troppo il fluido, questo può produrre sostanze chimiche volatili“, spiega. “Una cattiva produzione [dell’hardware] può portare all’inalazione di nickel e altri metalli. Inoltre, il materiale con cui è costruito l’atomizzatore puòportare agli utilizzatori problemi quali la silicosi”.

La norma richiederà anche al servizio sanitario irlandese un monitoraggio della letteratura scientifica disponibile per determinare l’entità del rischio, dando poteri regolatori al Ministro della Salute per garantire gli utilizzatori.

Il Governo irlandese va avanti

Poco dopo l’annuncio dei due senatori è arrivati quello del Ministero della Salute, che ha spiegato come il Governo irlandese – a seguito della chiusura della consultazione lanciata alcuni mesi fa – abbia approvato la bozza di normativa per restringere la vendita di sigarette elettroniche, ponendo anche altri paletti su pubblicità e flaconi. Il procedimento era già stato avviato a seguito dell’approvazione della nuova Direttiva UE sul tabacco, che introduce nuove norme anche sul tema e-cig.

Le proteste

L’associazione di fumatori Forest Éireann ha però espresso la propria contrarietà ad una regolamentazione ancor più strettadelle e-cig. Secondo il portavoce John Mallon, il Governo dovrebbe “resiste alla tentazione di un eccesso di regolamentazione” dei prodotti. “C’è stato molto allarmismo intorno alle sigarette elettroniche, ma i politici dovrebbero liberarsi dell’idea che la nicotina fa male. Può creare dipendenza, ma non fa più male dellla caffeina“, spiega, ricordando come la grande maggioranza dei consumatori siano fumatori o ex fumatori.

Secondo Mallon, restringere la vendita e il marketing delle e-cigarettes potrebbe vietare ai fumatori l’accesso “ad un sempre più popolare aiuto a smettere di fumare”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...