Policy

Svapo e svapare, parole dell’anno 2014 per gli Oxford Dictionaries

La decisione “storica” degli Oxford Dictionaries. Vape e vaping, svapo e svapare. Adesso è ufficiale. La sigaretta elettronica ha prodotto una rivoluzione sociale e culturale senza precedenti. A dirlo non sono i “poveri” vaper, costretti all’emarginazione, bistrattati dallo Stato (quelli italiano brilla in persecuzioni), impegnati a difendere la svapata dal dito accusatore di chi fino a poco tempo non ne alzava mai uno se, ad esempio, i maleducati fumavano in presenza dei bambini. A dire che vape e vaping sono parole di portata “storica” sono ora gli Oxford Dictionaries, “bibbia” internazionale della lingua inglese e istituzione di riferimento nel mondo per anglofoni e non.

Per i redattori dell’opera, un monumento per la lingua più parlata al mondo, è Vape la “Word of the Year 2014”. Un riconoscimento forse tardivo, che ha dovuto fare i conti con una crescita esponenziale dell’uso del termine. E se l’anno scorso la parola è stata battuta dal più “ammiccante” Selfie, quest’anno gli estensori del dizionario hanno dovuto, quasi a furor di popolo, fare spazio sulle proprie pagine alla definizione di Vape.

Di bocca in bocca, 1,2 miliardi di volte

L’incoronazione di ogni parola, infatti, non è solo una questione di costume, ma riflette il cambiamento magmatico delle lingue. I neologismi ne sono un potentissimo serbatoio. Gli esperti britannici hanno seguito la crescita dell’uso delle parole legato al mondo dello svapo: dalle prima apparizioni sui media sul finire del 2012 ai picchi di quest’anno. Si stima che ad aprile 2014 la parola Vape sia stata pronunciata, scritta, usata, storpiata ed enfatizzata, mormorata, spesa e consumata 1 miliardo e 200 milioni di volte. Un record. E pensare che per la prima volta la parola fece capolino in un articolo di un modesto redattore di New Society nel 1983, anni luce prima che l’e-cig prendesse forma. Rob Stepney, autore dell’articolo dal titolo “Perché le persone fumano”, immaginava un ipotetico dispositivo in fase di studio che fosse un inalatore o una sigaretta senza combustione, capace di dispensare una dose misurata di nicotina. “L’atto del vaping”, diceva Stepney 30 anni fa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...