Esteri

Philip Morris, brevetto per le “smart-ecig”: possono controllare ogni puff

i-cig-patent

I svapatori potrebbero essere costretti a pagare per ogni puff dopo che la Philip Morris ha brevettato un dispositivo che traccia ogni tiro. La PMI propone una e-cig che può connettersi a internet, consentendo agli utenti di “comprare” del tempo per fumare. Questa funzionalità consentirebbe anche alla registrazione e caricamento di informazioni sul comportamento del fumatore, utile per degli studi clinici. Tuttavia, Philip Morris ha anche identificato il potenziale commerciale di vendere “crediti” di fumo. La presentazione del brevetto dice che potrebbe monitorare quando un utente sta esaurire tempo e prodotti e può “automaticamente preordinare ulteriori articoli da fumo”.

L’anno scorso Philip Morris ha detto che l’ingresso sul mercato della e-cig sarà la “più grande opportunità di crescita”. La prospettiva di consentire alla più grande azienda di tabacco del mondo di tenere traccia di dati personali solleva problemi di privacy.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...