Prodotti

BAT affronta il problema del crollo delle e-sigarette con una ricarica on-the-go

bat vype estickBritish American Tobacco progetta una versione delle sue e-sigarette Vype con una batteria di più lunga durata proprio mentre l’industria del tabacco affronta un problema che ha afflitto anche i responsabili di telefonia mobile: mantenere accesi i dispositivi.

La Vype eSticks, che sarà in vendita nel Regno Unito nel mese di agosto, può essere ricaricata costantemente tramite il packaging, che gli utenti possono caricare durante la notte. BAT, che possiede i marchi di sigarette Lucky Strike e Dunhill, ha fornito i dettagli del prodotto riportando anche un calo del 9 per cento degli utili nel primo semestre.

Uno dei problemi delle batterie di piccole dimensioni nelle e-cig piccole è che la batteria si scarica abbastanza rapidamente” ha detto Kingsley Wheaton, il direttore degli Affari Regolamentari di BAT, in un’intervista a Bloomberg.

Le aziende produttrici di tabacco stanno cercando di accaparrarsi quote del mercato in crescita dei prodotti di nicotina a rischio ridotto dopo aver dovuto affrontare per anni il calo dei consumi di tabacco.

Imperial Tobacco Group è diventato leader del settore quando si è accaparrato Blu, la più grande azienda di e-sigarette al mondo, acquisendo gli asset relativi all’acquisizione di Lorillard da parte di Reynolds American (RAI).

Philip Morris International, che ha annunciato la creazione di un dispositivo che riscalda il tabacco invece di bruciarlo, ha detto il mese scorso che i produttori di sigarette stanno avviando un “processo di trasformazione”.

Reynolds American, di cui BAT possiede il 42 per cento, ha deciso questo mese di acquisire Lorillard, lasciando l’industria del tabacco degli Stati Uniti con due concorrenti principali. BAT ha ribadito che finanzierà l’acquisizione di Lorillard con 4,7 miliardi di dollari, mantenendo così la sua quota in Reynolds e l’accesso all’industria del tabacco statunitense.

One thought on “BAT affronta il problema del crollo delle e-sigarette con una ricarica on-the-go

  1. Pingback: La nicotina ‘made in Liverpool’ e l’occasione persa dall’Italia |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...