Opinioni/Salute

Lettera a Lancet del prof. Polosa: “E-cig poco popolari tra i giovani”

hip-implant-recall-lancet
Nei giorni scorsi è stata pubblicata, nella prestigiosa rivista medica internazionale “The Lancet Oncology”, la risposta firmata dal prof. Riccardo Polosa e dal prof. Pasquale Caponnetto, dell’Universita` degli Studi di Catania, ad alcune informazioni circa la diffusione delle sigarette elettroniche tra i giovani.
Secondo i due esperti, le affermazioni rilasciate dagli Editori di Lancet per cui “le sigarette elettroniche stanno diventando una porta d’ingresso al fumo tradizionale, un prodotto che spinge i giovani a iniziare a fumare“, sono fuorvianti in quanto non suffragate dai risultati degli studi scientifici citati.
Anzi, una attenta lettura del report diffuso a settembre dal Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie statunitense (CDC) dimostra esattamente il contrario. Non esistono di fatto dati a sostegno della tesi che le e-cig siano popolari tra i giovani e li spingano poi a far uso di ‘bionde’.
Lo studio del CDC e i dati scientifici attualmente disponibili provano che non esiste per i giovani non fumatori una transizione dalla e-cig alla sigaretta convenzionale – specifica Caponnetto – semmai questi dati nel loro complesso confermano che l’uso di e-cig è poco popolare tra i giovani“. Priva di fondamento quindi la tesi che vuole vedere incriminata la e-cig come porta di entrata al tabagismo.
Nella loro nota, Polosa e Caponnetto, concordano con gli Editori di “Lancet Oncology” che una regolamentazione è comunque necessaria al fine di evitare che le e-cig possano in futuro diventare popolari tra i non fumatori e essere utilizzate indiscriminatamente nelle scuole. E tuttavia mettono in guardia circa il pericolo che può derivare da una regolamentazione troppo rigida e onerosa con il rischio di rendere le e-cig poco attraenti per i fumatori e meno concorrenziali delle sigarette convenzionali sul piano del prezzo di vendita.
Questo peraltro è quanto spiegato anche in una recente lettera firmata da numerosi esperti internazionali, tra cui Riccardo Polosa, ordinario di Medicina Interna dell’Universita` degli Studi di Catania, e pubblicata sul “Financial times” che lancia l’allarme sulla regolamentazione europea delle e-cig.
La recente revisione della Direttiva europea sui Prodotti del Tabacco (Tobacco Products Directive – TPD) – spiegano gli esperti – ha proposto di regolamentare le sigarette elettroniche alla stessa stregua dei prodotti medicinali. Ma la regolamentazione dei medicinali è notoriamente costosa, particolarmente lunga e complessa, anticoncorrenziale e pertanto tende a soffocare l’innovazione. Metterebbe fuori mercato molti dei prodotti attualmente in commercio.
Paradossalmente, forzando la regolamentazione in questa direzione si andranno a creare le condizioni per una maggiore diffusione delle sigarette di tabacco rispetto alle molto più sicure sigarette elettroniche. Esortiamo – hanno urlato gli esperti dalle pagine dell’autorevole quotidiano inglese – a fare opposizione a questo tentativo di far rientrare dalla finestra una regolamentazione che il Parlamento europeo aveva già legittimamente fatto uscire della porta.

One thought on “Lettera a Lancet del prof. Polosa: “E-cig poco popolari tra i giovani”

  1. Pingback: TPD in Danimarca, il Governo propone norme stringenti per le e-cig |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...