Anafe Confindustria

Anafe: “Da FIT attacchi incredibili nonostante gli accordi”

anafe

“Nonostante i contatti in corso nelle ultime settimane tra la nostra associazione, ANaFE, e la Federazione Italiana tabaccai, in particolare con il Presidente Risso e con il Direttore Generale Bartoli, che avevano consentito di raggiungere un’intesa di massima su una possibile proposta comune, ai fini di un sistema di vendita organizzato dei liquidi con nicotina e nell’ottica di una tassazione equa e bilanciata, la categoria dei rivenditori di tabacchi continua purtroppo ad attaccare il settore delle sigarette elettroniche con toni accesi e argomentazioni inesatte.

In primo luogo, le minori entrate, sia per i rivenditori di tabacchi sia per lo Stato, sono in gran parte dovute alla crisi economica, che spinge le persone ad orientarsi su prodotti alternativi quali ad esempio il tabacco trinciato e soprattutto all’esplosione del fenomeno del contrabbando successiva all’ultimo aumento dell’Iva. La contraffazione, insieme al contrabbando dei prodotti da tabacco, giunto ormai all’8,5% del totale del consumo di sigarette (dati Kpmg), sono i principali responsabili della diminuzione delle entrate fiscali e per i tabaccai.

Inoltre, già oggi molte tabaccherie vendono le sigarette elettroniche e le relative ricariche, ma se si imporrà la vendita solo mediante i tabaccai, nei 90 giorni successivi a tale decisione saranno più di 1.500 i punti vendita specializzati di sigarette elettroniche, sui circa 3.000 esistenti sul territorio, a dover chiudere, oltre allo stop all’apertura della maggior parte di quelli già pianificati. La ricaduta in termini di perdita di posti di lavoro sarebbe di circa 3.000 addetti, con un’età media di circa 30 anni, oltre alle minori entrate per lo stato in termini di imposte, tasse e contributi.

L’ANaFE, esattamente come le associazioni che riuniscono i tabaccai di tutta Italia, auspica l’avvio da parte del governo di un tavolo di analisi e discussione trasparente che veda la partecipazione di tutti gli stakeholders per arrivare ad una regolamentazione che valuti costi e benefici, sanitari ed economici.

In merito alla questione che ha maggiormente interessato i media nei giorni scorsi, la possibile tassa sui liquidi per sigarette elettroniche contenenti nicotina, siamo pronti ad accettare una tassazione bilanciata e proporzionata che però non può corrispondere all’introduzione di un’accisa che metterebbe l’intero settore nelle mani dei monopoli e che, di fatto, lo stroncherebbe. Le aziende che operano nel settore delle sigarette elettroniche già pagano l’Iva e i dazi sulla merce d’importazione: una nuova tassa non può e non deve ammazzare il business né penalizzare il comparto delle sigarette elettroniche. Come già detto, auspichiamo una regolamentazione, ma allo stesso tempo una attenta analisi da parte del legislatore dei costi e dei benefici. Troppe tasse ammazzano il mercato e non vorremmo che il settore ne risentisse troppo.

ANaFE rifiuta infine la forzata analogia con le vecchie “bionde” che da più parti continua ad essere sostenuta. La regolamentazione che auspichiamo dovrà tenere conto del fatto la sigaretta elettronica non è fumo perché non uccide (come scritto sui pacchetti di sigarette), e non è un farmaco perché non cura. È un metodo alternativo al fumo, e ciò che è sicuro è che fa meno male.  E un sistema apposito va pensato per la tassazione – se proprio necessaria –, in quanto assoggettare i liquidi con nicotina all’accisa come i tabacchi, consegnando il monopolio della vendita ad una categoria da sempre garantita, è inaccettabile a fronte dei milioni di investimenti e delle migliaia di posti di lavoro creati negli ultimi 18 mesi dal settore, e porterebbe anche minori risorse allo Stato”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...